PETER PAN NEI GIARDINI DI KENSINGTON, J.M. Barrie (illustrato da Arthur Rackham)


Processed with VSCOcam with f2 presetCi sono alberi dai rami avvolgenti, un’Inghilterra cupa e antica, corvi parlanti, fate e un bambino che non vuole crescere mai. Peter Pan nei Giardini di Kensington ha da sempre parlato al mio immaginario da illustratrice, un fantasy ricercato, la realtà sospesa mai fino in fondo, e soprattutto il racconto che si mescola ai disegni di Arthur Rackham. Il maestro dal tratto liberty riesce a unire gioia e disperazione nei suoi disegni, graffiando il foglio di inchiostro e alternando pochi, tenui colori, così come James Matthew Barrie  inframmezza la generale atmosfera inquieta con sprazzi di felicità tipicamente infantili. D’altra parte una delle mie frasi preferite del libro recita: “Non c’è quasi nulla che abbia un così acuto senso di allegria come una foglia caduta”, rappresentata da Rackham da delle ninfe che si lasciano trascinare divertite da un vento tempestoso, tra grigi nuvoloni e capelli indomabili.  Il ricordo dell’infanzia felice è costantemente minacciato dallo spettro della vecchiaia e dell’età adulta, così inevitabile e invincibile. A noi lettori non resta che aprire le porte dei Giardini di Kensington e uscire nella vita vera, lasciando Peter a danzare con le fate fino all’Ora di Chiusura.

PETER PAN NEI GIARDINI DI KENSINGTON, James Matthew Barrie illustrato da Arthur Rackham

 

Categorie
  • Gioioso Dibe Delmondo

    Grazie Serena! Leggere per la prima volta “Peter Pan nei Giardini di Kensington” mi ha fatto scoprire il vero Peter Pan, assai più interessante di Peter Pan e Wendy… Questa è la versione con le illustrazioni a colori della prima edizione, disegni stupendi!! https://goo.gl/WB45Kk